I ceci
Il cece è una pianta erbacea della famiglia delle Fabaceae. I semi di questa pianta sono i ceci, legumi ampiamente usati nell’alimentazione umana che rappresentano un’ottima fonte proteica, E’ un buono e delizioso  alimento, ricco di fibre (intestino regolare), di omega 3 e folati (protezione cardiovascolare, il  folato mantiene bassa l’omocisteina) e poi molti contiene molti  Sali minerali tra cui magnesio. Dato che sono ricchi anche in  cellulosa possono dare un po’ di noia a chi soffre di colite. Prima della cottura i ceci vanno messi in ammollo in acqua con un cucchiaio di farina e un cucchiaino di bicarbonato. Sono così più digeribili. Sono abbastanza calorici ( 100 grammi circa 316 Kcal.).  Un piatto di ceci si avvicina a  un piatto di carne. La presenza dei ceci è storica ed è importante in alcune tradizioni locali e religiose.

Cecìna
Cecina ( a Viareggio), farinata (Liguria), Carrara ( calda- calda), torta “5 e 5” ( Livorno ) e in altre zone come a Pisa “cecina toscana” è uno street food eccellente. A molti ricorda le vacanze passate al mare e i bei tempi di una infanzia passata. Ma tutto è recuperabile e la cecina potrebbe essere una gustosa merendina per i bambini. Va gustata molto calda ( da cui anche il nome calda-calda) e serve per farcire anche una buona focaccia come si usa nel livornese. Infatti 5 e 5 ha un significato storico: negli anni trenta del Novecento, quando sia il prezzo del pane che quello della torta di ceci erano di 5 centesimi di lira, il cliente che voleva acquistarla diceva “vorrei 5 centesimi di torta e 5 di pane”. Fu così che la torta di ceci iniziò ad essere chiamata semplicemente torta e venne utilizzata come farcitura del panino che prese appunto il nome di “5 e 5”. Si può fare in casa con farina di ceci biologica. Che bello odore in casa, che gioia per il bambino, che bella soddisfazione! Un piatto povero ma nutriente e gustoso con un suo fascino particolare.

ceci-1

Calzoni di san Giuseppe
Ci trasferiamo nel sud (dove per la festa di San Giuseppe, a secondo paesi e regioni c’è la tradizione di preparare un dolcino fatto in casa) e in particolare nel Beneventano e nel Molise per preparare un dolce fritto,  ripieno di crema di ceci (calzone di San Giuseppe). Molto conosciuto è anche il calzone di Riccia (Campobasso). Sono dolci che si possono fare in casa e ai bambini vanno dati dall’anno in poi. Sono dolci poveri ma possono contenere uova.  Nel Gargano si chiamano “causini”, ma in altre zone della Puglia sono conosciuti come “cauciuni o cauciuncelli” . Sono i calzoncelli, dolci fritti ripieni con passata di ceci, miele, cioccolato, vin cotto, zucchero, cannella, scorza grattugiata di arance e mandarini. Aggiustando un po’ gli ingrediendi (senza vin cotto o senza liquore Strega) vanno benissimo per i bambini dall’anno in poi.

ceci-2

Angelo Vigliotti
Scritto da Angelo Vigliotti