I quattro rimedi costituzionali

La costituzione è l’insieme dei caratteri psicofisici di un soggetto, i rimedi costituzionali correggono le patologie del terreno di base che determinano  un mancato equilibrio.

  1. Calcarea carbonica

Si tratta di un bambino prevalentemente  linfatico, spesso intollerante al latte, grassottello, pallido, con tendenza alle infezioni respiratorie ricorrenti, adenopatie, eczemi, sudorazioni profuse, molto sensibile al freddo. La scelta del rimedio deve essere oculata e partire dal presupposto che questa costituzione ha numerosi sottotipi e spesso è mescolata con altre costituzioni.

Il rimedio costituzionale di fondo è la calcarea carbonica, il nosode tipico è lo psorinum, gli altri rimedi sono biotipici e complementari.   E’  una costituzione molto diffusa nei primi anni di crescita. Si pensi a  un bambino che tende ad essere in sovrappeso, chiaro nella carnagione,addome prominente, per lo più brevilineo e che   presenta inoltre   sudorazione e lentezza sia sul piano fisico che mentale: ritardo di chiusura fontanelle,della dentizione,, della deambulazione e che può  presentare intolleranza al latte con crosta lattea e tendenza alla stipsi.. Ha paura del buio e  molto appetito. L’insonnia che soffre può essere  espressione di fame notturna. Soffre  di  Inf. Respiratorie ricorrenti. Sono freddolosi. È spesso ipotiroideo, ovvero la sua tiroide funziona in modo insufficiente. Può soffrire di vertigine o mal di montagna. Non ama i cibi caldi. A livello psichico è poco grintoso e po’ andare incontro a complessi di inferiorità.  In sintesi a livello fisico è un soggetto che  si comporta con lentezza, metodo, precisione, può diventare grasso e ha un aspetto rotondeggiante nel volto. A livello mentale volge verso l’equilibrio, ama fare il gregario e ha bisogno di punti di riferimento precisi per la sua sicurezza. La   calcarea carbonica  a 200CH ( ogni mese, circa) può produrre effetti benefici incalcolabili.

La personalità di questo bambino è basata sulla concretezza e sulla lentezza e sulla tendenza conservatrice. In genere  ha un carattere semplice e una volta intrapreso una strada cerca di essere costante e di portare a termine  ciò che si era prefissato. In questo senso è caparbio fino ad arrivare all’ostinazione.

  1. calcarea sulfurica

Si tratta di  un bambino che spesso  ha manifestazioni tossico – infiammatorie. E’ paffutello, stenico. E’ un bambino “gufo” migliora durante il giorno, non “allodola”. Può irritarsi facilmente  a causa della sua vivacità e a fare le cose in fretta e furia. E’ un bambino che  può  essere grasso o magro comunque abbastanza robusto. Ama i dolci . Il tipo “ grasso”  può  andare incontro alla stipsi, il “magro” a frequenti disturbi diarroici. Può  soffrire di prurito e intolleranza alla lana.. E’ caloroso.  Può soffrire di dermatiti, allergie, acne E’ un bambino  che ha bisogno di essere depurato e di mangiare una dieta povera di grassi. Il bambino sulphur può essere piccolo, medio o grosso.   E’ un bambino sognatore e allegro, gioviale, a volte solitario nel gruppo può essere un “er più”.  Ciò che lo distingue dagli altri è la pelle con il viso colorito, le labbra più rosse del normale, e il padiglione auricolare è arrossato In sintesi   in questa costituzione  si distinguono due sottotipi: il sulfurico grasso e il sulfurico magro.  In genere  il “grasso”  ( influsso della   costituzione carbonica)  è di media statura è robusto, aggressivo e sempre attivo. Il suo colorito è rosso, la cute è calda ed il viso è di forma quadrata. L’altra variante è un bambino magro ( influsso della  costituzione fosforica) con pelle non tanto bella ( avvizzita) che si stanca facilmente.  Il lattante preferisce dormire in posizione ventrale ed ha i piedi e le mani calde. Piange quando la mamma lo lava. Può andare incontro facilmente ad eczema atopico.

Presenta feci acide. Il rimedio di base è “ sulfur” ( calcarea sulfurica). Il rimedio ha diverse applicazioni Serve anche per tirar fuori una malattia, a rendere manifesta una patologia profonda, a chiarire un caso difficile. Terapia di base: calcarea fosforica 200CH  ( intervallo di un mese). In genere va bene per la diatesi sicotica ( sulfur grasso) ma è anche valido  come rimedio nella diatesi psorica, mentre per la diatesi tubercolinica va meglio il sulphur iodatum. Il ragazzo “sulphur”  spesso è nascosto da una altra costituzione Tuttavia il pianeta “sulphur” ha un punto in comune a tutte le variabili: tendenza ad eliminare le tossine verso l’esterno e a peggiorare con il caldo. La personalità   “ sulphur”  nel bambino si esprime appieno a livello mentale con profondità di pensiero unito a un carattere aperto e a un atteggiamento di estroversione. Queste caratteristiche possono portare a una ipertrofia dell’io. Spesso diventa un sognatore e molti “ sulphur” non hanno concretezza vivendo di romanticismo e  avendo la testa tra le nuvole.

  1. calcarea phosphorica

Si tratta di un bambino che si presenta affaticato e stanco, magro e longilineo, un po’ lento per carenza di energia. Nella sua forma pura è di facile riconoscimento. In genere è freddoloso. Preferisce  cibi  freddi,e sapidi. Hanno sempre molto sete.  Si ammala sia delle vie respiratorie che di herpes. Si esaurisce facilmente. . Può presentare turbe dell’umore, nervosismo, alcune forme di paure ( dei temporali).Epistassi frequenti, maggiore tendenza al tiroidismo  con possibilità di non regolazione ipotalamo ipofisaria. Il “ fosforico” si ammala frequentemente, con problemi di dimagrimento, demineralizzazione, e lieve anemia con muscoli deboli a causa di insufficienza funzionalità degli organi di sostegno. Frequentemente può soffrire di cifoscoliosi, piedi cavi e piatti, lassità dei legamenti e prolasso.  In sintesi a livello fisico è slanciato, piuttosto longilineo con forma del viso triangolare; a livello mentale è brillante ma con umore variabile  ( tendenza alla ciclotimia)con intelligenza pronta e vivida  ma spesso poco realistica. La calcarea fosforica è  il rimedio di fondo della costituzione fosforica con diatesi tubercolinica e temperamento collerico/iroso. E’ indicato  nel bambino astenico, freddoloso, sensibile alle variazioni elettriche dell’atmosfera. In genere il “calcarea fosforico” è un bambino cresciuto in fretta , che vuole ( e sa ricambiare) amore. Quindi va bene nella pubertà precoce e in tutte le patologie correlate a sviluppo rapido ( ossa, articolazioni, sforzi intellettuali). E’ utile anche nelle turbe digestive del neonato   (avversione o intolleranza al latte), nelle epistassi, nell’acne giovanile, e nelle infezioni respiratorie ricorrenti. La personalità  del bambino “ phosphorus” parte  da alcuni tratti della tipologia di “calcarea  phosphorica” e può esserne una sua evoluzione. E’ un bambino che sta tra il finito e l’infinito.,  più che la logica usa il “ sentire”, e si sente parte del tutto. E’ una specie di “ mistico”  e vive  come se portasse una luce dentro fatta  innocenza e semplicità, spontaneità e naturalezza,  ma anche di eccitazione e di impressionabilità. Questa modalità infantile molto bella e  seduttiva è un punto di forza in un “ phosphorus” integrato  ma  può essere un punto debole in un  “phosporus”  ancora immaturo.  Allora  può sviluppare una  identità   imperfetta e vulnerabilità verso l’ambiente per cui nascono paura ed ansia. Nonostante ciò  il bambino “ phosporus” è più aggraziato del “tubercolinum” a cui può evolvere ( è lungo, può presentare il petto scavato, il viso più spigoloso che tondeggiante) e poi manifesta  esuberanza,estroversione, gioia di vivere, spensieratezza.

  1. calcarea fluorica

E’ un bambino a volte piccolo, a volte magro, altre volte disarmonico tra peso e altezza, con tendenza all’instabilità, all’ansia, alla preoccupazione. L’evoluzione delle forme morbose spesso è la sclerosi. Questo bambino sovente soffre di dolori articolari e problemi dentari. Il freddo umido e la mancanza di movimento aggravano i sintomi. .L’orientamento diagnostico verso questa tipologia costituzionale è difficile perché spesso è mascherata dalle altre costituzioni soprattutto la sulfurica/sanguigna e la carbonica/ flemmatica. Coesistono sovente tratti anche della costituzione fosforica/ collerica. Nel mondo infantile questa costituzione è in aumento  e si presenta con sintomi vaghi e contraddittori non a caso di copertura di un disagio esistenziale più profondo.Può sentirsi incompreso e rifugiarsi  nel suo mondo. Può soffrire di malattie ulceranti  e autoimmunitarie (ad esempio rettocolite ulcerosa). ipercalcificazioni, osteoporosi, prolassi, ernie, varici, emorroidi.. In sintesi  a livello fisico è contraddittorio e contrastante in tutte le cose,  può sopportare il freddo e il caldo o viceversa non sopporta né l’uno né l’altro, può essere bello o non bello; a livello mentale poco equilibrio nelle emozioni e nei sentimenti Il rimedio costituzionale di fondo è la calcarea fluorica, il nosode tipico è il luesinum, gli altri rimedi sono biotipici. Per modificare il terreno di base la calcarea fluorica va somministrata a  diluizioni alte ( 200 CH) ogni mese.  Calcarea fluorica è il rimedio di fondo che serve per reinserirlo nel mondo circostante, a favorire un adattamento accettabile. Il rimedio è molto utile in tutte le malattie psicofisiche a trasmissione ereditarie specialmente a carico del tessuto connettivo. Altra indicazione importante  è quando nel bambino c’è la presenza di una perdita e di un decadimento precoce dei denti.

 

I quattro rimedi diatesici

Per diatesi si intende la predisposizione  e la tendenza di un certo organismo a contrarre certe malattie sia a livello congenito che acquisito. Può significare anche la storia della malattia sofferta dal paziente.. Le diatesi fondamentali sono quattro: la “ sicosi” era collegata secondo gli autori classici  alla blenorragia e alla crescita di vegetazioni verrucose. Nella “sicosi” c’è un rallentamento degli scambi con accumulo delle tossine. La “ psora” era collegata  a  manifestazioni periodiche e alternanti  a svariati livelli ( cute e respiratorio) con tendenza all’iporeattività.  In questa diatesi c’è la tendenza  a eliminare le tossine attraverso la cute e gli altri emuntori. .La  diatesi “luetica” era   collegata alla sifilide  e anomalie del tessuto osseo e a molte distrofie e asimmetrie Il modo di reagire di questa diatesi è determinato dalla fissazione delle tossine con disorganizzazione dell’organo  o dell’apparato interessato.. La  “ tubercolinica”  era  collegata  alla tubercolosi (predisposizione alle malattie respiratorie e della pelle con dimagrimento progressivo) con una modalità reattiva di accelerazione dei processi catabolici  con l’aumento della degradazione delle tossine. La calcarea carbonica in genere determina una diatesi psorica, la calcarea fluorica una diatesi luesinica, la calcara fosforica una diatesi tubercolinica, la calcarea sulfurica una diatesi sicotica o medorrinica. Ma non sempre è così. L’incontro tra genetica, imprinting e ambiente  può determinare patologie che  non presentano  una fase evolutiva di quella particolare costituzione. E poi  lungo il percorso di crescita non è detto che la costituzione emergente rimane costante. Tutte e quattro le costituzioni sono presenti nell’individuo e particolari condizioni ( sia fisiche che psichiche) possono dare  il quadro di base, in altre condizioni danno altri quadri. Per esempio  verso la “ diatesi psorica” può arrivarci  chiunque da qualsiasi costituzione provenga.

Psorinum

E’ un bambino debole che reagisce poco. Di notte è agitato, di giorno sta meglio.. Presenta eruzioni cutanee più in inverno che in destate. Spesso la pelle è secca e ruvida  e sono presenti lesioni da trattamento a causa del notevole prurito E’ freddoloso e ha sempre   fame.  Emana cattivo odore. Alivello psichico  è un bambino che  può arrivare alla depressione. Se si può sintetizzare una tipologia (cosa difficile) bisogna dire che hanno tre caratteristiche di base:

a)-debolezza fisica  e vulnerabilità psichica : le malattie di qualsiasi tipo si prolungano oltre il previsto.

b)- suscettibilità grande al freddo. Le dermatiti di qualsiasi etiologia migliorano in estate e peggiorano in inverno

c)- tutte le problematiche di cui sono affetti avvengono con periodicità quasi puntuale.

Un’altra caratteristica  di questa diatesi che nella sua maggiore intensità può presentare un andamento cronico con alternanza di patologie, si passa dall’asma all’eczema, dalla cefalea alla rinite, da un atteggiamento di gioia e di serenità a momenti di tristezza, dalla voglia di fare a periodi anergia completa. L’aggravamento avviene  quasi sempre dopo sforzo fisico.

Il rimedio “ psorinum”  va dato a 200 CH   a intervallo di un mese. E’ un rimedio formidabile per tutte le problematiche cutanee ( il nosode va personalizzato) e per le malattie croniche.

Tubercolinum

E’ un bambino ipotrofico, magro, freddoloso, e suda con facilità. Tende  alle malattie da raffreddamento (riniti, faringiti, bronchiti)  e alla febbricola serotina. Ha un nervosismo accentuato e in genere non è di grande appetito. Emotivamente è labile e al livello psichico presenta un umore fluttuante. Il “ tubercolinum” è un nosode  specifico del fosforico. E’ indicato in bambini che a causa della fragilità psicofisica soffrono di adenopatie e   patologie respiratorie e cutanee con tendenza alla cronicizzazione oltre che a tutta la patologia secondaria a stress. Molto utile nei bambini incostanti e insoddisfatti. La personalità “ tubercolinum” si evidenzia in un bambino prevalentemente di sesso maschile  che presenta  alcune caratteristiche di fondo: è mentale ( rispetto al “sulphur” è più curioso ma meno profondo) , è irrequieto, tende all’edonismo e alla ricerca della libertà ( rispetto  al “phosphorus “ non si perde nell’esperienza che vive ma conserva un certo distacco).

Medorrhinum

 E’ un bambino scarsamente sviluppato   con anemia e linfatismo e spiccato dermografismo rosso. Ha tendenza a malattie catarrali, infezioni vie urinarie ed enuresi. Migliora al mare, peggiora in montagna. A livello psichico può andare incontro a sindromi ossessive e come carattere tende alla ostinazione, alla testardaggine, alla volubilità ( non per tendenza ma per una proiezione individualistica). Caratteristica psicologica di questo bambino è la sua scontrosità, la chiusura relazionale con difficoltà di inserimento scolastico.  E’ un bambino pallido   che sta peggio durante il giorno ed è più brillante durante la notte. Il “ medorrhinum  è il nosode costituzione specifico della diatesi sicotica. Può essere dato ( e risulta molto utile) nella intossicazione da metalli ( otturazioni dentarie) e in bambini con ritardi di crescita. Il rimedio è efficace anche in casi di enuresi.

La personalità “ medorrhinum” è complessa e si sviluppa bene all’inizio della pubertà, quando inizia a perdere la sua chiusura e inizia ad aprirsi.. A causa del suo temperamento spesso sanguigno questo ragazzo ha fame d’aria e di conoscenza. E’ un amante della vita e come Ulisse segue la sua strada di avventura e di scoperta. Un ragazzo così  difficilmente ha paura Laddove gli altri tremano lui si eccita, laddove gli altri si nascondono lui si apre, laddove gli altri  si vergognano lui si eccita (spesso è precoce anche nel piacere sessuale, già a 3-5 anni piace masturbarsi anche con intensità). Nell’adolescente diventa trasgressivo,  e avendo un forte fiducia in se stesso ne può fare di cotte e di crude Sogna ad occhi aperti e dato che tende ad espandersi questo può diventare anche un lato negativo e far scattare un meccanismo di paura, di pensieri allucinatori, di un certo non so che di primitivo nella loro mente,  di richiamo della foresta.

Luesinum

E’ un bambino che si ammala frequentemente per fragilità e vulnerabilità  di base. Peggiora al mare e migliora in montagna. Tende al nervosismo, all’agitazione. Se c’è peggioramento il bambino può evolvere verso la diatesi“ carcinosinum” con scarso rendimento scolastico, tic,ansia e preoccupazione eccessiva. In questo quadro d’insieme c’è la  possibilità di sviluppare, tumori,   dipendenza alcolica e  altre  dipendenze.  A livello psichico l’instabilità  caratteriale  può portare al tormento interiore con tendenza anche al suicidio. Il bambino con questa diatesi ha in genere un disturbo costituzionale di base che lo porta ad essere lento in tante dimensioni evolutive (auxologica, relazionale, affettiva, percettiva, alterazione dei vari ritmi). A volte hanno una intelligenza formidabile e un intuito spiccato da far rabbrividire le vene e  i polsi.. Il rimedio è il “luesinum ( 200 CH ) che deve essere somministrato a secondo le condizioni cliniche  al momento del primo incontro. E’ il nosode costituzionale specifico con cui spesso si ottengono effetti considerevoli  su bambini con malformazioni, insonnia ostinata, disturbi visivi, e disarmonie sul piano fisico. Molti sintomi si aggravano di notte . E’ il rimedio indicato nei soggetti che hanno patologie  caratterizzate da distruzioni cellulari e tissutali. Il bambino “ carcinosinum” in genere può essere il quadro peggiorativo del “luesinum” ma appartiene anche   alle altre tipologie diatesiche.  Non va bene a scuola, può andare incontro a tics, a sindrome ansiose. Il rimedio “ carcinosinum” va somministrato alla 200 CH ( in genere una sola volta).

Angelo Vigliotti
Scritto da Angelo Vigliotti