Pronto per il vasino?

da; www.chicco.com

Il passaggio dal pannolino al vasino è una tappa fondamentale nello sviluppo del bambino e nell’affermazione della sua autonomia. Come ognuna delle più importanti fasi della crescita del bimbo, questo momento di transizione è molto delicato e deve essere affrontato aiutando il piccolo a viverlo serenamente senza trasformarlo in un incubo.

Dal punto di vista fisiologico il bambino inizia a poter controllare gli sfinteri non prima dei 18-24 mesi e ne raggiunge il controllo diurno e notturno intorno ai 4. Ovviamente è da sottolineare che non esistono regole precise e che ogni piccolo affronta le novità con tempistiche e modalità differenti.

Quindi l’unica regola da tenere a mente è che il vasino deve essere proposto senza stress, rispettando la fisiologia e i tempi di ciascun bimbo.

I segnali per capire se il bambino può essere pronto per la “prova” del vasino sono semplici:

  • riconosce lo stimolo della pipì e della popò e lo sa comunicare (anche solo toccandosi il pannolino);
  • sembra mostrare interesse per il bagno o per il vasino;
  • è in grado di seguire alcune istruzioni che riceve;
  • è capace di abbassare da solo pantaloni e mutandine.

Una volta verificato che il bimbo è pronto ad affrontare il cambiamento, è bene individuare il periodo migliore per iniziare il passaggio dal pannolino al vasino. L’estate può essere il momento più idoneo, più che altro perché la stagione consente di vestire meno il bambino, che sarà quindi meno impedito nei movimenti, e la mamma avrà meno lavatrici da fare in caso di probabili incidenti.

Inizialmente è di certo importante coinvolgere il piccolo spiegandogli che anche mamma e papà usano un vasino…grande. Sarà poi il momento della scelta del vasino, possibilmente con una forma o dei colori simpatici che attirino l’attenzione del piccolo e che aiutino ad identificare l’oggetto come suo.

Può essere utile lasciare il vasino alla portata del bambino, consentendogli di giocarci e di prendere confidenza con il nuovo oggetto. Il piccolo all’inizio potrà stare diversi minuti seduto sul vasino senza fare nulla. E’ bene comunque gratificare il piccolo quando utilizza il vasino e insegnargli fin sa subito l’importanza di asciugarsi bene una volta finito e di lavarsi le manine.

In caso di piccoli incidenti (assolutamente nella norma) non bisogna sgridare il bambino ma è meglio rassicurarlo e incoraggiandolo per il prossimo tentativo, senza creargli alcuna ansia. E’ consigliabile tenere a portata di mano molti indumenti e mutandine di ricambio.

Una volta tolto definitivamente il pannolino di giorno si può provare ad eliminarlo anche di notte (generalmente verso i 3-4 anni), spiegando al bimbo che se avverte lo stimolo può farla nel vasino. Prima di togliere il pannolino al bambino anche di notte è meglio essere sicuri che il piccolo sia pronto e verificare che il pannolino resti asciutto per diverse notti di fila. Per agevolarlo può essere utile lasciare il vasino vicino al suo letto e lasciare accesa una piccola luce.

 

Angelo Vigliotti
Scritto da Angelo Vigliotti