n° 18 –  sentenze aggiornate dal 2000 al 2011

 

Questo numero a cura di Marisa Aloia e Ascanio Trojani riprende a mano  l’ultima decade ( 2000- 2011)  delle sentenze che coinvolgono il lavoro del consulente tecnico grafologo.
C’è la parete generale  che affronta vari argomenti tra cui la richiesta della necessità della CT/Perizia, l’accessibilità ai documenti, l’incarico e il quesito, le operazioni peritali, le scritture comparative la redazione e il contenuto della relazione.
Un capitolo successivo del numero della rivista affronta le nuove  procedure.  Interessante è l’intervento della cassazione civile IV, 1688/00 dove si approfondisce e chiarisce il concetto del fondamento scientifico  generale in cui attraverso leggi universali e statische   ….” si deve sfociare in un giudizio sul nesso di condizionamento di alta probabilità logica e di elevata credibilità razionale, dove alta ed elevata stanno ad indicare un guidizio che si avvicina al massimlo della certezza “. Venpogo poi prese in cosiderazioni i problemi che riguardano le contesatzioni alla relazioni, il disattendimento, il rinnovo., i chiarimenti e la nullità, l’utilizzo degli elaborati e dei dati in altri procedimenti, la mediazione obbligatoria nel contenzioso civile e commerciale.
Gli autori, Marisa Aloia e  Ascanio Trojani, hanno affrontato in un parte speciale le sentenze che si riferisconoall l’esame dei documenti e delle scritture nelle fotoriproduzioni, nei testamenti, nella capacità di intendere e di volere, nella dissimulazione,nel biancosegno, nell’accesso ad atti e documenti, nella privacy, nelle scritture comparative e nel saggio grafico.
L’ultima parte di questo numero affronta il tema degli accertamenti tecnici ripetibili e non ripetibili e i più banali errori  che più frequentemente si incontrano nello svolgimento del lavoro del tecnico grafologo.

Angelo Vigliotti
Scritto da Angelo Vigliotti