N° 19 – AUTOPSIA PSICOLOGICA CON ANALISI DELLA SCRITTURA

Gli autori di questo numero, molto interessante e vivace, sono Marisa Aloia, Eva Bogani, Sara Cordella,Daniela Leone.
L’autopsia psicologica è la ricostruzione retrospettiva della vita di una persona scomparsa, ricostruzione necessaria, per meglio comprendere la sua morte e le cause che l’hanno  provocata.
L’autopsia psicologia rientra come strumento nella psicologia investigativa in quanto riguarda fondamentalmente lo studio delle modalità con cui possono essere valutate e comprese i casi  di morte dubbia. Il presupposto psicologico da cui essa origina è che il comportamento è l’espressione della personalità e che dallo studio delle azioni compiute è possibile risalire alla struttura mentale dell’autore. La personalità e il comportamento di una persona si riflettono vicendevolmente. Il metodo  corretto  per arrivare  a formulare una ipotesi ragionevole e logica,  parte dalla raccolta di tutte le informazioni disponibili sul defunto attraverso l’intervista dei familiari, parenti, amici, personale sanitario ecc…. per avere una visione più chiara e precisa possibile  della vita, personalità, salute mentale e possibili trattamenti sanitari. L’autopsia psicologia utilizza  come strumenti di indagine  colloqui clinici, griglie di valutazione e protocolli. L’autopsia psicologica va ad integrare uno dei campi di applicazione più importanti della psicologia investigativa come quella del  “criminal profiling” ( Offender profiling, Psychological profiling, Criminal Personality profiling).

L’analisi psicologica degli ultimi scritti, per esempio,  permette di velocizzare lo studio della personalità del soggetto e lo stato psicologico  in cui si trovava al momento dell’atto suicidiario.

 

Voglio ricordare che la dott.ssa Marisa Aloia ha coordinato scientificamente tutto questo numero della rivista, osservando che sull’autospia psicologica c’è l’impegno da parte  sua e delle sue collaboratrici  ad approfondire la casistica degli eventi che riguardano persone scomparse in cui si rendono necessarie indagini e approfondimenti sulla causa della morte, con l’analisi delle scritture,  in modo che questa metodica possa entrare a pieno titolo nella psicologia investigativa.

Angelo Vigliotti
Scritto da Angelo Vigliotti