Sviluppo infantile

Lo sviluppo infantile procede a tappe di circa 7 anni (con una fluttuazione di  qualche anno in più o in meno). Nei manuali classici l’infanzia viene divisa in tre parti e l’adolescenza viene considerata a parte  ( primai nfanzia : 0-2 anni seconda infanzia : 2-6 anni – tterza infanzia: 6-12 anni). Preferisco, personalmente e in accordo con le mie conoscenze sullo sviluppo   e sulla crecita del bambino,   una divisione dell’ età evolutiva  in tre fasi ( più che parti) settennali circa  che include anche l’adolescenza.   Il bambino non è il padre dell’uomo ma una parte dell’uomo conserva in sé  il mondo infantile, e sarebbe fortunato se conservasse dentro di sé quelle  parti infantili che sono la base del nostro cammino interiore, come la  curiosità, il senso della avventura, lo stupore,l’innocenza, il gioco, il  vivere il presente al massimo dell’intensità. Ma con consapevolezza e amore.   L’infanzia si conclude con l’adolescenza. La prima infanzia (0- 7 anni) è  il periodo dell’imprinting in cui vengono assorbiti soprattutto i modelli  pedagogici genitoriali ed è sotto l’influsso dominante dei mass-media. La  seconda infanzia (7-14 anni) rappresenta il periodo scolastico dove si forma  l’identità e si acquisisce l’autostima. La terza infanzia è  l’adolescenza (14-21/25 anni), periodo critico perché di passaggio ma anche  periodo di recupero e di un vissuto di trasformazione e di acquisizione  interiore.


Prima infanzia  ( 0 – 7 anni)

E’ un periodo molto delicato. Purtroppo il bambino nasce libero e in questo periodo viene fatalmente condizionato e programmato a fare cose in una prospettiva  spesso sbagliata. Sovente vengono creati degli schemi mentali e la pressione che la società esercita sul bambino che cresce è così forte che il bambino si sente come obbligato a vedere il mondo in una maniera distorta. Viene fuori una personalità ricca di paure, incertezze, dubbi tensioni e preoccupazioni Altre volte si programma un essere umano a fidarsi delle certezze della tradizione, della cultura. C’è un sottile e prolungato lavaggio del cervello. Si arriva a far capire al bambino che lui non può essere felice senza alcune cose alle quale è attaccato e considera molte preziose. La gioia interiore sta nel futuro, se raggiunge alcuni risultati, quando i desideri vengono appagati oppure se riesce a manipolare molto bene le situazioni in cui si trova, a suo favore. Il bambino vive la vita come un gioco con momenti alti e bassi e la sua crescita è il suo sviluppo. Il nostro compito è stargli vicino con discrezione e guidarlo con auterovelezza e dolcezza. In questo periodo se si hanno esperienze traumatiche forti dovute all’assenza di cure genitoriali e ambientali adeguate si possono sviluppare emozioni e sentimenti negativi (invidia, gelosia, rabbia, ostilità, avidità, odio) che possono costituire i semi di un disturbo di personalità.

  Libri consigliati per studiare questa fase:
La madre e il bambino, Isidro Aguilar, Falciani, Impruneta; AdV  1990-1991, 2v; 24 cm, Tit. originale: “La madre y el nino.”  – Trad. dal francese (tit.: Femme et màre), di   Bruno Rimoldi.
Il bimbo piange, che fare?, Anne Bacus;  Milano: PAN [1995], 187pag.; 20 cm. (Pratica), Tit. originale: “Bèbè pleure, que  faire?” Trad. di Giuseppina Quattrocchi,   ISBN 88-7217-087-7.
L’avventura di crescere: una guida per i genitori di oggi, Marcello  Bernardi.  Milano: Fabbri, 1995, 490pag.; 24 cm. ISBN 88-450-5978-2
Il tuo bambino diventa grande, Marcello Bernardi, Alberto Ugazio, Bruno  Munari; con Luciana Omicini.  Milano: Sperling & Kupfer [1994]; XI, 239 pag.; ill.; 23 cm. (Varia). ISBN 88-200-1880-2
Il pediatra in casa. Il bambino dalla nascita a tre anni: istruzioni per  l’uso, Eleda Brancaccio, Vincenzo Calia.  Milano: F. Angeli [1995]; 127 pag.; ill.; 22 cm. (Le comete 46). ISBN 88-204-9025-0
Quando torni?, T. Berry Brazelton. Milano: Frassinelli [1992]; 259 pag.; 21 cm.  Tit. originale.: “Working & caring.” Trad. di Silvia  Broggi, Maria Cristina Petri.   ISBN 88-7684-209-8
Da 0 a 365 giorni: tutto quello che è importante sapere sul primo anno di vita di vostro  figlio, A. Eisenberg, H. E. Murkoff, S. E. Hathaway. Milano: R.C.S. libri & grandi opere [1994]; 490 pag.; ill.; 25 cm. (Manuali  Sonzogno). Ed. italiana a cura di Giuseppe Ferrari. Tit. originale: “What to expect the first  year.” Trad. di Carla Gabriella Gambaro. ISBN 88-454-0415-3
Il libro completo della mamma e del bambino: dal concepimento al terzo anno di età,  Elizabeth Fenwick.  Nuova ed. aggiornata. Novara: Istituto geografico De Agostini [1995]; 256 pag.; ill.;  29 cm. Tit. originale: “The complete book of mother   & baby care.” Trad. di Melina Borelli, rev. di Piergiorgio Fornara, Norberto  Dalloni. ISBN 88-415-2634-3
Il bambino dalla A alla Z: prontuario di puericultura in 500 voci, Giuseppe  Ferrari, Gabriella Caroni.  Milano: Gruppo editoriale Fabbri-Bompiani-Sonzogno-ETAS [1993]; 319 pag.; ill.; 25 cm.  (Manuali Sonzogno). ISBN 88-454-0561-3
l libro della mamma. Consigli pratici e risposte sicure ad ogni interrogativo: tutto ciò che dovete sapere per allevare il vostro bambino dalla nascita ai 3 anni, Laurence Pernoud.  Casale Monferrato: Piemme [1993]; 445 pag.: ill.; 25 cm. Tit. originale:  “J’élève mon enfant.” Trad. di Laura Garavelli. ISBN 88-384-1880-2
Lo sviluppo sensomotorio del lattante, Annie Vinter, Paola Cipriani, Gabriella Bruni.  Roma: NIS [1993]; 225 pag.; 22 cm. (Biblioteca di testi e studi). Segue: appendice. ISBN 88-430-0053-5
Il libro completo della mamma e del bambino: dal concepimento al terzo anno di  età, Elizabeth Fenwick.  Novara: Istituto geografico De Agostini, [1991]; 256 pag.: ill.; 29 cm. Tit.  originale: “The complete book of mother & baby care”.   ISBN 88-402-9199-7
Piccoli passi: la psicologia dei bambini dall’attesa ai cinque anni, Silvia Vegetti  Finzi; con Anna Maria Battistin.  Milano: A. Mondadori [1994]; 358 pag.; 23 cm. (Saggi). ISBN 88-04-38694-0
Lo sviluppo affettivo e intellettivo del bambino, Bernard Golse; con la collaborazione di  Bidault;   edizione   italiana a cura di Adriana Guareschi Cazzullo; traduzione di Alessandra Foppa  Pedretti.  Milano: Masson [1995]; 290 pag.; 21 cm. (Collana di medicina e psicoterapia). ISBN 88-214-2266-6
-il linguaggio segreto dei neonati” di  H. Tracy e B. Melinda – Mondadori ed. ( un libro molto bello!) Enciclopedia della puericultura – Garzanti Libri Edizione:

seconda infanzia  ( 7 – 14 anni)

E’ un periodo particolare. E’ il tempo della la mente del bambino, l’ora della conoscenza ufficiale, il periodo del dovere, la scuola con i suoi problemi. Inizia gli studi elementari affrontati spesso non con le modalità del piacere ma dell’obbligo e quindi il bambino spesso si sente costretto a studiare a vivere momenti non tanto belli. I temi che deve affrontare in piccolo saranno i temi che lo seguiranno tutta la vita. E’ la realizzazione di se stessi che passa attraverso l’autostima, attraverso il raggiungimento degli obiettivi, attraverso lo sviluppo delle motivazioni e attraverso una buona comunicazione. Se non si riesce a capire che la piena realizzazione dei figli è dipendente dalla loro libertà di espressione va a finire che i figli sapranno tante cose, conosceranno tante materie, seguiranno sport, avranno dei modelli sportivi da seguire forse, ma di tutte queste conoscenze non sapranno poi che farsene. Lo studio che deve essere un momento di svago diventa un sacrificio. Il ragazzo sa vivere il presente e noi lo obblighiamo per il futuro. Forse l’adulto deve osservare di più e amare di più. In questo modo potremo capirli di più senza giudicarli ma soprattutto saremo pronti ad entrare nel loro mondo e ad imparare a parlare con il loro linguaggio; possono emergere disturbi di comunicazione, bassa autostima e complesso di inferiorità.


Un io fragile e vulnerabile può in futuro innescare comportamenti in cui il meccanismo di controllo degli impulsi non funziona.
Libri consigliati per studiare questa fase
La psiche infantile, Carl Gustav Jung. Torino: Bollati Boringhieri [1994]; 217 pag.; 18 cm. (Biblioteca Bollati Boringhieri). ISBN 88-339-0849-6
Spunti di psicopedagogia, Giuseppina Teruggi. Roma: a cura dell’Ufficio stampa P.G.S. [1985]. 31 pag.; 20 cm.
Il bambino da 3 a 11 anni, Denis Wallon. Ed. rivista. e aggiornata. Cinisello Balsamo: Edizioni Paoline [1992]; 178 pag.; 20 cm. (Progetto famiglia). Tit. originale: “Les ƒges de l’enfant” Trad. di Ines Andreini Rossi. ISBN 88-215-2436-1
Metodi di ricerca in psicologia dello sviluppo, a cura di Luigia Camaioni e Francesca Simion. Bologna: Il mulino [1990]; 356 pag.; 22 cm. (La nuova scienza. Serie di psicologia). ISBN 88-15-02487-5
Osservare l’infanzia: introduzione alle metodologie osservative in psicologia dello sviluppo, a cura di Domenico Bellacicco, Matilde Panier Bagat, Salvatore Sasso. Roma: Bulzoni [1995]; 224 pag.; 24 cm. ISBN 88-7119-798-4
Le bugie dei ragazzi: frottole, imbrogli, spacconate, perché‚ i nostri figli ricorrono alla menzogna?, Paul Ekman; con Mary Ann Mason Ekman e Tom Ekman; presentazione di Anna Oliverio Ferraris; traduzione di Gabriele Noferi. Firenze: Giunti [1993]; 197 pag.; 25 cm. (Grandangolo). Tit. originale: “Why kids lie.” ISBN 88-09-20285-6
I colori dell’amicizia: studi sulle rappresentazioni pittoriche dell’amicizia tra bambini, Anna Silvia Bombi, Giuliana Pinto. Bologna: Il mulino [1993]; 322 pag., ill.; 22 cm. (Ricerca. Psicologia). ISBN 88-15-03842-6
Terza infanzia  ( adolescenza: 14- 21/25 anni)

L’adolescenza è una età complicata e travagliata, ricca di spunti istintivi, emozionali e cognitivi, in cui appare per la prima volta il sentimento inteso come vissuto e frammento di eternità. Un periodo della vita che rappresenta un passaggio tra l’infanzia e l’età adulta. In questa terra di confine succedono molte cose, molte vicende esistenziali. In Italia, secondo i dati del rapporto della società Italiana di psichiatria, il 20%dei giovani di questa età ha problemi psicopatologici. Non è qui il luogo per approfondire l’archeologia di questo malessere che colpisce tanti giovani, ricordo anche Adler uno dei più grandi psicologi del secolo scorso, primo presidente della società psicanalitica e poi in rotta con Freud, nel 1930 pubblicò un testo dal titolo significativo: “Il bambino difficile” in cui sosteneva che il bambino è il padre dell’uomo. Questo spazio di vita rappresenta l’archetipo del doppio, o dell’uno e del molteplice che si snoda tra l’essere e il divenire, tra il passato e il futuro, tra inferiorità e superiorità, tra l’io e il super io, tra la vita e la morte, tra il negativismo e la speranza, tra la passività e l’attività, tra il piacere e il dolore, tra il tutto e il nulla, tra la notte e il giorno, tra eros e tanatos. Combinare questi binomi secondo una progressiva crescita di coscienza è la cosa più creativa che un uomo possa fare. Il periodo infantile che ho distinto in tre parti si chiude con una scelta volitiva verso la realizzazione del sé.

Libri consigliati per studiare questa fase:
Problemi psicologici della preadolescenza e dell’adolescenza, Guido Petter; Firenze: La Nuova Italia [1994]; 330 pag.; ISBN 88-221-0768-3
L’anoressia mentale, Palazzoli Selvini Mara; Milano Feltrinelli [1993]; 306 pag.; ISBN 88-07-60067-6
Il giardino segreto: far poesia nell’adolescenza, Clara Capello, Paola D’Ambrosio; presentazione di Renata Gaddini. Torino: Bollati Boringhieri [1993]; 202 pag.; 21 cm. (Lezioni e seminari). ISBN 88-339-5515-X
Il bambino e i suoi doppi: l’ombra e i compagni immaginari nello sviluppo del sé, Tilde Giani Gallino. Torino: Bollati Boringhieri [1993]; 267 pag.; ill.; 22 cm. (Saggi scientifici). ISBN 88-339-0757-0
Fantasia e razionalità nell’età evolutiva, Guido Petter. Scandicci: La nuova Italia [1993]; 199 pag.; 21 cm. (Problemi di psicologia). ISBN 88-221-1176-1
Mamme, papà e bimbi: per capire e affrontare i piccoli e grandi problemi di tuo figlio, da 0 a 6 anni, Richard Woolfson. Milano: F. Angeli [1993]; 202 pag.; 22 cm. (Le comete). Tit. originale: “Understanding your child.” ISBN 88-204-7680-0
Mio fratello, Deny Tito Braha. Milano: Sperling & Kupfer [1994]; 116 pag.; ill.; 22 cm. (Varia). ISBN 88-200-1895-0
La gelosia tra fratelli: come aiutare i nostri figli ad accettare il nuovo arrivato, Raffaella Scalisi. Milano: F. Angeli [1995]; 89 pag.; ill.; 22 cm. (Le comete). Segue: appendice. ISBN 88-204-9002-1
Psicoanalisi ed educazione sessuale, Silvia Vegetti Finzi, Marina Catenazzi. Roma: Laterza [1994]; 360 pag.; 21 cm. (Storia e società). ISBN 88-420-4508-X
La strategia di Peter Pan, Aldo Carotenuto. Milano: Bompiani [1995]; 169 pag.; 22 cm. (Studi Bompiani). ISBN 88-452-2652-2
Elogio dell’educazione, Leonardo Trisciuzzi. Pisa: ETS [1995]; 178 pag.; 22 cm. (Scienze dell’educazione). ISBN 88-7741-782-X
Nel regno del possibile: gioco infantile, creatività e sviluppo dell’immaginazione, Dorothy G. Singer, Jerome L. Singer; Firenze: Giunti [1995]; 357 pag.; 24 cm. (Manuali e monografie di psicologia Giunti). Tit. originale: “The house of make-believe.” Trad. di Gabriele Noferi. ISBN 88-09-20681-9
www.paolocrepet.it(molti libri dell’autore sono dedicati all’adolescenza e alle sue problematiche) – www.libreriauniversitaria.it(cerca i libri di Guido Petter, studioso dell’infanzia e dell’adolescenti

Questi  libri di approfondimento consigliati  sono in continuo aggiornamento e tutti hanno una piccola scheda,  utile per capire perchè può essere interessante quel particolare libro e quel particolare autore.

P. ANGELA
“Da 0 a 3 anni” – Ed. Mondadori 2000 E’nota a tutti la capacità di questo giornalista di semplificare e divulgare concetti difficili. In questo libro espone teorie importanti sullo sviluppo mentale e psicologico dei bambini piccoli utilizzando materiale raccolto in varie parti del mondo in seguito a interviste con autorevoli studiosi. Attraverso questo libro i genitori di un bambino nei primi anni di vita hanno la possibilità di vivere in maniera più consapevole il miracolo che quotidianamente si realizza sotto i loro occhi.
S. ALLPORT
“Tutti i genitori del mondo” – Baldini e Castoldi 1998 L’autrice è una biologa, specializzata in divulgazione scientifica. Attraverso numerosi e interessanti esempi di cure parentali nel mondo animale, riesce a chiarire (a volte proprio ad illuminare) molti dei nostri comportamenti di cura, favorendo un’interessante riflessione sul rapporto genitori-figli. Anche noi siamo mammiferi e anche per noi l’evoluzione naturale ha preparato quanto di meglio era possibile per rendere il rapporto con i nostri cuccioli bello ed efficace.
AUTORI VARI
“Mille modi di crescere” – Melagrano 2001 I diversi autori di questa raccolta possiedono molta esperienza sulle diverse culture relativamente alla nascita e all’accudimento dei neonati. Vengono esaminati i “maternage” di alcune etnie presenti da diversi anni sul nostro territorio (cinesi, peruviani, indiani, immigrati dell’Africa del nord e subsahariana, ecc.). Dopo la lettura di questo libro sarà più facile capire e apprezzare culture diverse dalla nostra e sarà possibile considerare in maniera più aperta certe nostre usanze che spesso viviamo in maniera eccessivamente acritica.
F. BALSAMO
“Da una riva all’altra del mediterraneo” – L’Harmattan 2001 Oggi, più di ieri, i rapporti tra popoli diversi sono molto frequenti e ravvicinati; in questo libro vengono affrontate molte delle tematiche connesse alla gravidanza e al parto secondo l’ottica delle popolazioni di cultura islamica presenti nelle regioni del Nord Africa. Capire i modi di vivere la nascita nelle culture diverse dalla nostra, oltre a rappresentare un arricchimento individuale, permette di migliorare i rapporti tra le persone e facilitare, nelle strutture sanitarie pubbliche, la creazione di migliori assetti organizzativi.
G. BOLLEA
“Le madri non sbagliano mai” – Feltrinelli 1995 L’autore è un famoso neuropsichiatra con molti anni di esperienza e grande conoscenza delle problematiche dell’età evolutiva. Bollea si mette nei panni dei genitori e li incoraggia a credere in valori antichi e semplici come l’ascolto, l’amore, l’esempio. Da questo libro tutti capiranno che per diventare bravi genitori è necessario riflettere giorno dopo giorno su quanto il rapporto con i figli riesce a sollecitare. In appendice sono contenuti interventi su problematiche specifiche quali la separazione dei genitori o lo sviluppo sessuale nell’età evolutiva.
B. BETTELHEIM
“Un genitore quasi perfetto” – Feltrinelli 1987 Scritto dall’autore all’età di 84 anni, questo libro contiene l’esperienza di tutta la vita professionale del grande psicologo. Bisognerebbe che tutti i genitori si sforzassero di leggere queste pagine dense di intuizioni e sano buon senso; probabilmente molti errori educativi potrebbero essere evitati e molta ansia genitoriale sicuramente risparmiata. Una frase tra le tante presenti nel testo per stimolarne la lettura: “allevare i figli è una impresa creativa, un’arte più che una scienza”. ricchimento individuale, permette di migliorare i rapporti tra le persone e facilitare, nelle strutture sanitarie pubbliche, la creazione di migliori assetti organizzativi.

B. BRAZELTON
“Il bambino nel lettone” – 1983 Emme L’autore è un famoso pediatra, acuto osservatore del mondo dei bambini e ideatore di una scala di valutazione del comportamento neonatale. Con questo libretto, rivolto ai genitori, tenta una risposta ad una serie di problemi sul rapporto genitori-figli e su altre questioni pratiche che questa relazione comporta. Secondo Brazelton i genitori possono (e devono) trovare autonomamente le soluzioni necessarie attraverso la lettura dei segnali che il figlio manda loro continuamente; questo pediatra ha grande fiducia nei bambini e nei loro genitori e rifiuta consapevolmente di esercitare il ruolo dell’esperto che dispensa soluzioni e “ricette”.
“Nascita di una famiglia” – Ed. Unicopli 1987 Brazelton è uno dei più autorevoli pediatri viventi. Per merito suo molti professionisti hanno potuto uscire dalla visione puramente medica della salute infantile e vedere il neonato nella sua complessità evolutiva, di cui anche la psicologia costituisce una parte importante. Questo libro è comprensibile da chiunque sia interessato all’argomento. L’autore utilizza casi concreti per spiegare il proprio approccio ai numerosi problemi che mamma e bambino possono presentare nei primi mesi di vita.
“Il bambino da zero a tre anni” – Fabbri editori 2003 Non è un manuale, è privo di disegni e foto, e non vi spiega come si cambiano i pannolini. In compenso sarete accompagnati nel fantastico mondo dello sviluppo fisico, emotivo e comportamentale del vostro bambino. Attraverso questo libro chiunque ha la possibilità di accedere al cuore delle problematiche dei primi anni dell’infanzia e di poter utilizzare la grande esperienza (e le importanti intuizioni) di questo famoso pediatra. Come è nel suo stile, l’autore ci fornisce poche ricette, ma molti spunti di riflessione, aiutandoci a trovare da soli la strada.
M. BRENNER
“Il ciuccio, l’orsetto, il biberon e il dito in bocca” – Ed.Bonomi 2006 Il titolo del libro non deve trarre in inganno, gli oggetti transizionali sembrano quasi un pretesto per trattare invece il più grande e importante tema della relazione tra i genitori e i figli. Nello svolgersi dei capitoli l’Autore non perde occasione per invitarci a riflettere quanto sia importante il mondo dell’immaginazione per la crescita del bambino. Al termine di questa lettura un genitore sufficientemente attento e sensibile riuscirà a considerare gli oggetti transizionali come strumenti utili e preziosi per favorire nel bambino la conquista dell’autonomia.

CRAMER
“Professione bebè” – Boringhieri 1992 L’autore è uno psicanalista che ha messo a punto un efficace metodo di cura delle patologie del bambino nel primo anno di vita; agisce sostanzialmente sulla relazione madre-bambino (a volte arriva proprio a curare la mamma per curare il bambino). E’ un libro leggibile da tutti, ma consigliato solo a coloro che sono interessati alla visione psicanalitica del rapporto mamma-bambino. Questo testo è comunque in grado di incrementare le conoscenze e la cultura di molti lettori in merito al mondo mentale e relazionale del bambino.
D’ALESSIO
“Psicologia neonatale” – Ed. NIS 1988 Questo libro raccoglie contributi di autori diversi che analizzano le principali conoscenze sulla psicologia del neonato. Il testo non è per tutti, proprio perché l’argomento è molto specifico. Fino a qualche decennio fa non si riteneva il neonato capace di uno sviluppo mentale tanto complesso e articolato e la maggior parte dei contenuti di questo testo non sono, purtroppo, ancora divenuti patrimonio della maggior parte degli adulti. E’ compito degli specialisti riuscire a diffondere e divulgare quanto è stato scoperto sulle competenze e sulle esigenze dei neonati.
R. DAVANZO
“Allattamento al seno” – Il Pensiero Scientifico 2001 Questo manuale merita di essere letto sia dai genitori che dagli operatori sanitari. L’autore è uno dei maggiori esperti nazionali di allattamento al seno e da diversi anni è impegnato a diffondere la cultura dell’allattamento materno nel nostro Paese, anche attraverso una importante attività di ricerca e di formazione. Le informazioni e i consigli presenti nel testo, oltre ad essere precisi e aggiornati, sono scritti con linguaggio chiaro ed efficace e rappresentano un valido aiuto ai genitori in difficoltà o che desiderano semplicemente approfondire l’argomento.
S.H. FRAIBERG
“Gli anni magici” – 1970 Armando Editore La versione originale in inglese è del 1959. Nonostante l’età, questo libro sembra scritto oggi. L’autrice è una famosa psicologa e psicoterapeuta che ha saputo leggere i pensieri e i comportamenti dei bambini con grande profondità e intuizione. In questo libro affronta le problematiche dei bambini dalla nascita fino ai sei anni, illuminando il lettore con il punto di vista particolare del bambino piccolo. I numerosi esempi descritti permettono ai genitori di ‘ritrovarsi’ e identificarsi facilmente nelle diverse situazioni. La lettura di questo libro è in grado di modificare le idee e i pregiudizi comuni, fornendo preziosi consigli su come provare a costruire una relazione positiva col proprio figlio.
C.GONZALES  
“Il mio bambino non mi mangia”  – Ed. Bonomi 2003 Con sottile ironia e facendo leva sul buon senso materno, il famoso pediatra spagnolo Carlos Gonzales, ci introduce nell’insidioso tema dell’ora della pappa. Nonostante l’argomento sia impegnativo, la lettura risulta facile e piacevole. Alla fine riesce a convincerci che l’inappetenza è solo una questione di equilibrio tra quello che un bambino mangia e quello che i suoi genitori si aspettano che mangi.
G. HONEGGER FRESCO
“Senza parole” 2002  – Edizioni La Meridiana L’autrice è presidente dell’Associazione e Centro Nascita Montessori e autrice di numerosi libri che esplorano il mondo del bambino e la sua relazione coi grandi. Questo testo è dedicato ai primi tre mesi di vita, un periodo meraviglioso, ma anche impegnativo per molti genitori. Rinunciando allo stile del manuale di puericultura l’autrice affronta i principali problemi di questa età con grande sensibilità e concretezza. Pagina dopo pagina appare con grande chiarezza come ogni azione di accudimento, anche la più banale, nasconda un piccolo tassello della grande relazione che si crea tra il bambino e i suoi genitori.
“Facciamoci un dono” 1999 – Edizioni La Meridiana Trovo questo un libro particolarmente delicato, perché l’autrice, con grande sensibilità, riesce nel suo intento di voler suggerire ai “grandi” come giocare e come interagire con il bambino, partendo da quel suo mondo magico e speciale. Riesce cioè a sollecitare le nostre risorse più semplici e autentiche, quelle che dobbiamo cercare se vogliamo davvero vedere il mondo con gli occhi dei più piccoli. Gli acquerelli di Silvio Boselli aggiungono un tocco artistico ai testi e ulteriori stimoli per lasciarsi catturare. F.S. KING
“Allattamento al seno: come aiutare le madri” – AMREF 1992 Questo libro è edito dalla African Medical and Research Foundation ed stato tradotto in moltissime lingue; è da considerare uno dei testi base per sapere come promuovere e sostenere l’allattamento al seno. Il linguaggio divulgativo e i disegni esplicativi ne permettono la lettura anche ai non addetti ai lavori. E’ sicuramente consigliabile a tutti quei genitori che vogliono approfondire l’argomento o che non si accontentano delle sintetiche informazioni ricevute dagli operatori sanitari.
J. KORCZAK
“Quando ridiventerò bambino” – Luni Editrice 1995 L’autore è un pediatra polacco nato a Varsavia nel 1878 e morto nel 1942 nel campo di sterminio di Treblinka, assieme a duecento bambini dell’orfanotrofio da lui diretto. In questo libro ci accompagna per mano nel mondo dell’infanzia e ci aiuta a rivivere le sensazioni di allora. (Ri)vedere il mondo con gli occhi di un bambino è operazione impegnativa, ma importante, per capire meglio i nostri bambini e per conoscere meglio noi stessi.
“Come amare il bambino” – Luni Editrice 1996 E’l’opera fondamentale di questo pediatra, educatore, scrittore, poeta. In Italia i suoi scritti sono poco conosciuti perché tradotti solo recentemente. Korczak ha anticipato di almeno mezzo secolo gli attuali principi pedagogici e ha dato un contributo fondamentale alla messa a fuoco dei diritti dell’infanzia. In questo libro il bambino viene visto da una prospettiva particolare, la prospettiva che permette al mondo degli adulti di capire e dialogare col mondo dell’infanzia. Per molti insegnanti ed educatori questo libro (scritto nel 1920, ma attualissimo) potrebbe rappresentare un significativo stimolo di riflessione. Dello stesso autore “Il diritto del bambino al rispetto”del 1929.
R.D. LAING
“I fatti della vita” – Einaudi 1976 L’autore è un famoso ed eccentrico psichiatra scozzese che ha indagato in profondità i recessi della mente in relazione all’esperienza della nascita. Questo libro, con caratteristiche autobiografiche, non fornisce informazioni pratiche e a qualcuno potrebbe anche risultare fastidioso, è però in grado di stimolare riflessioni originali in chi è curioso di indagare gli aspetti più nascosti dell’evento nascita.
V. MAHER
“Il latte materno” – Rosemberg e Sellier 1992 L’autrice è un’antropologa che in questo libro intraprende un viaggio molto stimolante ed esauriente sul tema dell’allattamento. Non troverete informazioni su come dovete allattare né altri consigli pratici, ma potrete approfondire i significati culturali e sociali dell’allattamento in diversi gruppi etnici. L’argomento potrebbe interessare molti, ma lo stile del libro lo rende un testo di natura non divulgativa.
A. MATHISEN
“Come sviluppare tutti i talenti del bambino” – RED 2003 Questo libro è stato scritto da diversi autori norvegesi e si propone di spiegare al grande pubblico i principi e i metodi della pedagogia steineriana. I genitori interessati vi potranno trovare utili stimoli per inventarsi un rapporto col figlio creativo e costruttivo, limitando gli inevitabili conflitti. Applicare una pedagogia attiva, che si fonda sulla fiducia e sulla comprensione, non dovrebbe essere compito soltanto di insegnanti ed educatori professionisti, ma dovrebbe vedere impegnati tutti coloro che si trovano a relazionare col mondo dei bambini.
J. MEHELER
“Appena nato” – Mondadori 1990 L’autore è stato tra i primi studiosi ad approfondire sistematicamente le capacità percettive dei neonati già nelle prime ore di vita. E’ un libro non propriamente divulgativo, che espone le ricerche compiute nell’arco di due decenni per indagare cosa vedono, sentono e percepiscono i neonati. E’ un testo utile a coloro che hanno già informazioni di base e vogliono approfondire l’argomento, che a tutt’oggi è rimasto patrimonio quasi esclusivo degli specialisti.
S. MOLCHO
“La mimica dei bambini” – edizioni Urra 2006 L’autore di questo interessantissimo libro si definisce un mimo, ed in effetti questo è il suo mestiere, ma leggendo attentamente le descrizioni che fa del comportamento dei bambini, occorre catalogare questo testo tra quelli di psicologia infantile. Il valore aggiunto di questo libro sono le duecento fotografie in bianco e nero che “raccontano” con immediatezza e semplicità quanto nel testo viene esposto e sviluppato sul mondo dell’infanzia. Proprio come il grande Piaget, anche il meno famoso mimo Samy Molcho trae buona parte delle sue considerazioni dalla osservazione diretta dei suoi quattro figli. Questo modo di procedere a nostro avviso deve essere uno stimolo affinché ogni genitore attraverso l’osservazione del proprio figlio acquisisca le sue personali competenze per capire e condividere l’esperienza unica e irripetibile dell’infanzia.
. A.B. MUNCHMEIER
“Giocare con i bambini piccoli” – Sovera Multimedia 1990 Questo libretto contiene più di 200 giochi da fare con bambini di pochi anni (in alcuni casi anche di pochi mesi). Fornisce le motivazioni per giocare con i bambini piccoli, spiega con chiarezza come costruire giocattoli interessanti, propone indicazioni sulla scelta di libri per l’età prescolare, suggerisce giochi di educazione musicale. Potrebbe essere uno strumento utile soprattutto per quei genitori che hanno poca esperienza o che credono di avere poca fantasia.
J. PIAGET
“La psicologia del bambino” – Einaudi 1966 Chi non ha mai approfondito argomenti di psicologia infantile, può leggere questo libretto che riassume quanto il grande psicologo aveva scoperto sullo sviluppo del bambino. Ovviamente dagli anni ’60 lo studio della mente infantile ha portato a modificare alcune delle teorie esposte in questo trattato, ma il lettore che non deve affrontare l’argomento con atteggiamento professionale può trovare molto utili gli stimoli trasmessi da questo psicologo; dopo aver letto Piaget la vostra visione dei bambini e del loro mondo sarà molto più profonda e articolata, e questo oggi è quanto mai importante e necessario.
P. POQUET & F. GARDAIR
“Giochi, giocattoli, carezze” – RED 1989 Questo libro insegna come interagire giocando con un bambino da 0 a 15 mesi. Fornisce molte informazioni sullo sviluppo motorio nel primo anno di vita e sulle relative modalità di una corretta interazione da parte degli adulti. Dopo questa lettura sapremo che fin dalla nascita, usando semplicemente il nostro corpo, possiamo divertirci col nostro bambino e nel contempo imparare a conoscerci con empatia e simpatia.
J.P. SARTRE
“Bariona o il figlio del tuono” – Christian Marinotti 2003 Proponiamo la lettura di questa opera teatrale, scritta dal filosofo francese nel 1940 e solo recentemente tradotta in italiano, perché contiene molti spunti di riflessione sulla maternità e l’azione creativa di mettere al mondo un figlio. Il testo si presta a diversi livelli di lettura (in particolare quello politico e teologico), ma le pagine più ricche e poetiche sono riservate alla relazione di intimità tra la Madonna e il suo Bambino.

Angelo Vigliotti
Scritto da Angelo Vigliotti