Maria Antonietta nacque alla Hofburg di Vienna il 2 novembre 1755, penultima dei sedici figli di Maria Teresa d’Austria e di Francesco Stefano di Lorena, Venne data in sposa, quattordicenne, al delfino di Francia, il futuro Luigi XVI. Una volta sposa, la vita di corte annoiava la giovane regina che si distraeva con balli stravaganti in costume e rappresentazioni teatrali. Maria Antonietta non badava a spese, ignorando la crescente crisi finanziaria del suo paese. Divenne regina di Francia non ancora ventenne. Ebbe 4 figli.


Era una donna infelice. Luigi era scialbo, goffo e certamente non quello che lei avrebbe desiderato. La devozione di lui per la caccia, per gli orologi, e la sua abitudine di alzarsi e coricarsi presto erano in contrasto con l’amore di lei per l’arte, la moda, la danza e la vita notturna di Parigi. Il 21 gennaio 1793 re Luigi XVI fu condannato e ucciso sulla ghigliottina. Maria Antonietta seguì il marito sulla ghigliottina il 16 ottobre 1793 dopo un processo – farsa. C’è da ricordare che per tutta la vita di fronte al popolo francese, fu “l’odiata austriaca”. Il boia Sanson (che già aveva ghigliottinato il marito, il re Luigi XVI) alzò la testa sanguinante in modo che tutti la vedessero. In seguito, la testa fu gettata sulla carretta tra le gambe del corpo senza vita. Il cadavere di Maria Antonietta fu lasciato sull’erba prima di essere gettato in una fossa comune. Così terminò la vita di colei che era stata un tempo la donna più illustre e affascinante d’Europa. I suoi resti saranno trasportati nel 1815 nella basilica di Saint Denis.

LUIGI-4

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Angelo Vigliotti
Scritto da Angelo Vigliotti